Laurea in Infermieristica (Trento)
(abilitante alla professione sanitaria di infermiere) d.m. 270/04

Relazione di aiuto nei processi assistenziali - PRINCIPI E TECNICHE DELLA RELAZIONE ASSISTENZIALE

Codice insegnamento
4S000096
Docente
Sara Berti
crediti
2
Settore disciplinare
MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
TRENTO
Periodo
INF TN - 2° anno 1° sem dal 1-ott-2019 al 12-dic-2019.

Per visualizzare la struttura dell'insegnamento a cui questo modulo appartiene, consultare * organizzazione dell'insegnamento

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Il corso si propone di offrire agli studenti
- conoscenze e metodi per sviluppare abilità relazionali declinate nelle relazioni professionali e di aiuto e nelle relazioni educative
- conoscenze dei principi fondativi la buona comunicazione, la relazione assistenziale, le tecniche e strategie di gestione di una comunicazione efficace con la persona e la famiglia
Sviluppare negli studenti abilità di:
- comunicazione appropriate (verbali, non verbali e scritte) con gli utenti di tutte le età e con le loro famiglie all’interno del processo assistenziale e/o con altri professionisti sanitari;
- leggere interazioni e relazioni tra paziente e familiari e professionista
-comprendere le dinamiche relazionali, le reazioni di difesa nei processi di adattamento delle persone a situazioni di disagio psichico, sociale e di sofferenza fisica.

Programma

La percezione interpersonale, Percezione della realtà e comunicazione interpersonale
Il processo della percezione interpersonale, La realtà e le sue rappresentazioni
Le due strutture del linguaggio (profonda e superficiale).
Il processo comunicativo
Gli assiomi della comunicazione umana di Watzlawick,
Forme di comunicazione: comunicazione non verbale (sguardo, gesti, postura, mimica facciale), Comunicazione para-verbale (il ruolo della voce)
La prossemica: la distanza nella relazione sociale
Modelli e principi della relazione di aiuto
• Il paradigma di Carl Rogers: non direttività, centralità della persona, rispetto, accettazione positiva e incondizionata, congruenza, autenticità; empatia e declinazione nella relazione assistenziale
• L’agenda del paziente per esplorare la soggettività (illness e disease)
• Conquistare la fiducia del paziente, conoscere la storia e utilizzo dell’agenda
• La giusta distanza nella relazione di aiuto
Tecniche che facilitano il colloquio nella relazione
• ascoltare (ascolto empatico, ascolto critico, ascolto attivo)
• chiedere (domande chiuse, domande aperte, domande direttive)
• sostenere e incoraggiare il paziente (tecnica ECO, assenso)
• comprendere e supportare (tecniche: riformulare, rispecchiare, legittimare, commenti empatici, ricapitolare)
Stili e atteggiamenti che non facilitano la comunicazione – relazione (Dare giudizi, approvare o disapprovare i comportamenti del paziente, frasi stereotipate, infantilizzazione comunicativa)
La comunicazione nell’assistenza alle persone portatrici di deficit sensoriali. Strategie per migliorare la qualità della comunicazione con le persone non udenti, non vedenti, afasici.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Brugnolli A., Saiani L. Trattato di cure infermieristiche (Edizione 2) Idelson-Gnocchi srl - SORBONA 2014

Modalità d'esame

L'esame è costituito da una prova scritta prevede quesiti a risposta multipla sui fondamenti della comunicazione e relazione assistenziale, quesiti a risposta breve DRAB, quesiti a corrispondenze, a completamento; analisi di un testo di dialogo infermiere – paziente/famigliare (riconoscere le tecniche utilizzate dall’infermiere; le aree dell’agenda del paziente esplorate.





© 2002 - 2020  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits