Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive - ordinamento dall'a.a. 2008/2009

Tecniche e metodologie dell'allenamento (2017/2018)

Codice insegnamento
4S00105
Crediti
13
Coordinatore
Federico Schena

L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
TECNICHE E METODOLOGIE DELL'ALLENAMENTO (LEZIONI) 9 M-EDF/02-METODI E DIDATTICHE DELLE ATTIVITÀ SPORTIVE II semestre Luca Paolo Ardigo'
Federico Schena
TECNICHE E METODOLOGIE DELL'ALLENAMENTO (TIROCINIO INTERNO) 4 NN-- II semestre Federico Schena

Obiettivi formativi

MM: TECNICHE E METODOLOGIE DELL'ALLENAMENTO (LEZIONI)
------------------------
1-conoscere in modo approfondito le basi biologiche dei meccanismi che sono a fondamento dell’allenamento umano 2- conoscere la metodologia di applicazioni di questi principi per la creazione di appropriati programmi di allenamento nelle principali tipologie di attività sportiva 3- conoscere i fattori determinanti la prestazione ed i mezzi di allenamento utilizzabili nelle discipline sportive e saperle applicare in modo adeguato al fine di realizzare un corretto adattamento e modificazione della prestazione. 4- conoscere le principali metodologie di valutazione e monitoraggio dello stato di allenamento e di prevenzione dei danni e dell’overtraining
------------------------
MM: TECNICHE E METODOLOGIE DELL'ALLENAMENTO (TIROCINIO INTERNO)
------------------------
L’impegno dello studente è di complessive 100 ore, per un totale di 4 CFU, di cui: • 50 ore da svolgere obbligatoriamente nelle scuole; • 50 ore da svolgere in attività di “Eventi e/o di promozione sportiva” da scegliere tra le proposte del Collegio Didattico di Scienze Motorie.

Programma

------------------------
MM: TECNICHE E METODOLOGIE DELL'ALLENAMENTO (LEZIONI)
------------------------
La sindrome generale di allenamento Adattamento: limiti ed evoluzione Il processo di supercompensazione I sistemi regolatori che influenzano la risposta all’allenamento Lo stimolo allenante Carico esterno ed interno Monitoraggio del carico Il sovrallenamento Indicatori funzionali della prestazione Valutazione funzionale principi ed applicazioni La genesi dell’allenamento e la sua evoluzione nel tempo Training specifico e cross training Principi di programmazione generale dell’allenamento Tipologie di training: Forza, Velocità, RSA, Endurance
------------------------
MM: TECNICHE E METODOLOGIE DELL'ALLENAMENTO (TIROCINIO INTERNO)
------------------------
“L’attività didattica integrativa” associata all'insegnamento in oggetto, è svolta in forma “diretta” presso gli Istituti Scolastici inseriti in apposito elenco approvato dal Collegio Didattico di Scienze Motorie; lo studente, grazie agli accordi intercorsi con Dirigenti e docenti delle Scuole, partecipa ad attività progettuali/programmatiche/operative, svolte in stretta collaborazione con il Docente accogliente di educazione fisica. L'attività integrativa vedrà lo studente impegnarsi in esperienze di osservazione, di analisi, programmazione ed attuazione di interventi guidati che saranno svolti sotto la supervisione dei tutor per un totale complessivo scolastico di 50 ore che possono essere così distribuite: Conoscenze dell’ambiente scolastico - Analisi del contesto (scuole dei vari gradi d’istruzione, programmazione disciplinari e di Istituto, progettualità di diversi livelli, Provinciale, Regionale, Nazionale…). Impegno minimo raccomandato: 5 ore Area dell’osservazione Osservazione delle attività del docente accogliente. Impegno minimo raccomandato: 5 ore Area della progettazione Discussione e progettazione degli interventi didattici insieme al docente accogliente. Impegno minimo raccomandato: 5 ore Area del confronto professionale Eventuale partecipazione a consigli di classe, e/o riunioni di coordinamento di materia, collegi docenti, attività collegiali varie. Impegno minimo raccomandato: 5 ore Area dell’esperienza professionale Attività di affiancamento al docente durante le ore di didattica. Minimo 25 ore Per l’attività in questione si raccomanda solo il rispetto dei valori minimi raccomandati per ciascuna area. Lo studente svilupperà dunque, secondo anche le sue attitudini, conoscenze ed esperienze pregresse, attraverso questa esperienza con la supervisione del tutor: 1. le conoscenze degli ambienti e dei documenti relativi alle attività formative per i giovani; 2. la capacità di relazionarsi con le figure professionali dell’ambiente ufficiale della formazione; 3. la capacità di relazionarsi con gli studenti di età e livelli diversificati; 4. la capacità di programmare e svolgere momenti di attività didattiche supervisionati ed assistiti dal tutor didattico; Queste attività rappresenteranno una componente fondamentale all’interno del programma dell'insegnamento di Tecniche e Metodologie dell’allenamento (2 CFU d’Aula di “Didattica delle attività motorie”) e saranno accompagnate da momenti di analisi, riflessione e discussione durante gli incontri in aula ed in palestra dell’Università con i docenti. Questa esperienza può rappresentare un'occasione positiva di trasferimento ai giovani studenti delle competenze, delle strategie, delle metodologie operative e delle capacità organizzative del personale docente delle scuole. Questa esperienza può consentire per tutti un confronto tra modelli teorici e operativi e le conoscenze degli studenti. A conclusione delle 50 ore, una scheda di valutazione verrà compilata dal docente tutor per una valutazione sommativa dell’esperienza che completerà la valutazione complessiva dell'esame di Metodologia dell’allenamento. 50 ore in attività di “Eventi e/o di promozione sportiva” da scegliere tra le proposte del Collegio Didattico di Scienze Motorie. (1 CFU) 25 ore, saranno dedicate ad un’attività laboratoriale tutorata, indirizzata ad un “evento di promozione motoria e sportiva” per gli alunni delle Scuole Primarie nell’ambito dell’evento “SportExpo” promosso dal Comune di Verona in favore della promozione dello sport per i giovani; l’attività prevede alcuni incontri di formazione “in itinere” per familiarizzare con i programmi e per adattare l’intervento didattico ai livelli ed all’età dei partecipanti; infine prevede la gestione dei gruppi di studenti, durante una mattinata in collaborazione con i docenti delle classi, che prevede un “tour didattico” tra le molte attività motorie e sportive offerte dall’evento. (1 CFU) 25 ore saranno dedicate alla partecipazione attiva all’organizzazione e gestione di eventi programmati dall’Università in Progetti di ricerca e promozione sportiva.

Modalità d'esame

------------------------
MM: TECNICHE E METODOLOGIE DELL'ALLENAMENTO (LEZIONI)
------------------------
Esame scritto per ammissione all’orale ( domande aperte + risposta multipla) Esame orale con discussione del compito e della relazione Relazione e Valutazione esercitazioni concorrono al voto (se positivo) max 4pt
------------------------
MM: TECNICHE E METODOLOGIE DELL'ALLENAMENTO (TIROCINIO INTERNO)
------------------------
Non prevista

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
F. Schena S. Pogliaghi I test da sforzo per la valutazione cardio-respiratoria in stampa.  
Wainek J. L'Allenamento ottimale Calzetti Mariucci 2009
Dal Monte e Faina VALUTAZIONE DELL’ATLETA UTET  




© 2002 - 2020  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits