Laurea in Ostetricia
(abilitante alla professione sanitaria di ostetrica/o) d.m. 270/04

Assistenza chirurgica ostetrico-ginecologica (2016/2017)

Codice insegnamento
4S000047
Crediti
6
Coordinatore
Massimo Piergiuseppe Franchi

L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
CLINICA OSTETRICO-GINECOLOGICA CHIRURGICA NELLE URGENZE E NELLE EMERGENZE 3 MED/47-SCIENZE INFERMIERISTICHE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Vedi pagina del modulo Vedi pagina del modulo
CHIRURGIA OSTETRICO-GINECOLOGICA ED EMERGENZE 2 MED/40-GINECOLOGIA E OSTETRICIA 2°anno 2°semestre CLO Massimo Piergiuseppe Franchi
ANESTESIOLOGIA 1 MED/41-ANESTESIOLOGIA 2°anno 2°semestre CLO Katia Donadello

Obiettivi formativi

A conclusione dell’iter didattico lo studente deve aver chiari i concetti di urgenza e di emergenza ed essere in grado di riconoscere e intervenire in situazioni di urgenze ed emergenze ostetriche e ginecologiche. descrivere e riconoscere i quadri clinici di patologia ginecologica di più frequente riscontro. saper gestire eventuali urgenze ostetriche sia sul piano clinico che organizzativo; Conoscere gli aspetti clinici delle complicanze del travaglio, del parto e del puerperio. Saper diagnosticare le situazioni di urgenza e di emergenza in ambito ostetrico. Conoscere gli elementi di diagnostica differenziale applicabili dall’Ostetrica per definire la necessità di intervento del Medico nei singoli casi clinici giunti alla sua osservazione; Saper applicare i necessari provvedimenti di emergenza in attesa del Medico; Deve inoltre essere in grado di stabilire una scala di priorità di trattamento ed aver ver appreso i concetti di Triage e di gestione del risk management in Ambulatorio Urgenze Ostetriche e Ginecologiche e Sala Parto. Sensibilizzare lo studente sulle strategie per aumentare le competenze di tutti gli operatori sanitari, al fine di ridurre le interferenze negative nella risposta all’urgenza emergenza ostetrico e ginecologica, sia dalla organizzazione dei reparti ospedalieri sia dal counselling dei singoli operatori. Prevenire, individuare, monitorare e gestire situazioni potenzialmente patologiche che richiedono intervento medico e praticare, ove necessario, le relative misure di particolare emergenza attraverso l'ausilio dei mezzi a disposizione e di cui risulta competente. Valutare le manifestazioni cliniche connesse alle patologie ginecologiche e ostetriche. Valutare le manifestazioni cliniche connesse al puerperio fisiologico immediato, intermedio e tardivo in regime di ricovero. Valutare le manifestazioni cliniche connesse al puerperio fisiologico e patologico immediato, intermedio e tardivo in regime di ricovero.

Programma

Urgenze ed emergenze: modello culturale secondo il CRM (Crisis Resource Management) per ridurre al minimo il rischio di errore, integrando la formazione delle competenze tecniche (saper fare) con quelle non tecniche (gestione del team, leadership, comunicazione e prevenzione errori). Rischio Clinico in urgenza ed emergenza. Il triage Ostetrico e ginecologico e le nuove strategie di management assistenziale. L D.E.A. : dipartimento di emergenza e accettazione. Triage in ambito ostetrico: la normativa Il sistema di triage strumento organizzativo. I codici di priorità. La documentazione clinica: scheda, procedure e protocolli di triage. Responsabilità professionali dell’ostetrica triagista. Triage Ostetrico finalizzato alle priorità che dovrebbero stabilirsi nell’esecuzione di un Taglio Cesareo: Classificazione Lucas (J R Soc Med 2000): Le emergenze ostetriche: Team Training nell’emergenza : caratteristiche di base dell’assistenza e della comunicazione nell’emergenza e in Sala Parto. Standardizzare la comunicazione: Situational Briefing Model SBAR .Clinical mnemonics standard per migliorare la comunicazione clinica. La pianificazione e l’organizzazione del lavoro in sala parto. La documentazione dell’emergenza ostetrica in cartella clinica. Metodi di miglioramento della qualità nell’emergenza ostetrica (Qualità Improvement Process); la responsabilità dell’ostetrica Le urgenze e le emergenze materno-fetali.Il prolasso di funicolo aspetti clinici, diagnosi e management. Distocia delle spalle aspetti clinici, diagnosi e management Urgenze ed emergenze cardiotocografiche in travaglio. Periodo dilatante: significato clinico dei parametri cardiotocografici non normali. Periodo espulsivo: pattern cardiotocografici patologici; Pattern CTG rari correlati con un alto rischio ipossico. Criteri per la lettura e interpretazione Le urgenze e le emergenze chirurgiche in gravidanza Le classificazioni dei TC sec. Lucas Preeclampsia ed eclampsia in gravidanza e puerperio Ematoma genitale puerperale Le patologie emorragiche ginecologiche La sepsi in gravidanza e pueperio Lo stato di shock : settico, ipovolemico La coagulazione intravasale disseminata Patologie tromboemboliche materne.

Modalità d'esame

L'esame avverrà in forma scritta e orale

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
G Bolis Manuale di Ginecologia e Ostetricia (Edizione 1) EdiSES 2011 9788879599269
Baskett T, Calder A, Arulkumaran Munro Kerr's Operative Obstetrics (Edizione 12) Saunders Ltd 2014 9780702051852
MILLER Trattato di anestesia A. Delfino Editore.  




© 2002 - 2020  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits