Laurea magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche - Verona

Metodologia di analisi dei processi organizzativi (2012/2013)

Codice insegnamento
4S000457
Crediti
4
Coordinatore
Giorgio Gosetti
Altri corsi di studio in cui è offerto

L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
PSICOLOGIA DEL LAVORO 2 M-PSI/06-PSICOLOGIA DEL LAVORO E DELLE ORGANIZZAZIONI 2°anno 1°semestre Riccardo Sartori
SOCIOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI 2 SPS/09-SOCIOLOGIA DEI PROCESSI ECONOMICI E DEL LAVORO 2°anno 1°semestre Giorgio Gosetti

Obiettivi formativi

Modulo: PSICOLOGIA DEL LAVORO
-------
Il corso di Psicologia del Lavoro ruoterà attorno al concetto di processo decisionale (problem-finding, problem-setting, problem-solving e decision-making), affrontato nei suoi aspetti cognitivi, emotivi e comportamentali, e si svilupperà secondo la direttiva “individuo – gruppo – organizzazione"


Modulo: SOCIOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI
-------
Obiettivi del corso sono da un lato quello di conoscere gli strumenti dell’analisi organizzativa e le loro applicazioni nelle organizzazioni di servizio alla persona, dall’altro quello di saper contestualizzare l’utilizzo degli strumenti all’interno delle teorie organizzative e della progettazione organizzativa.

Programma

Modulo: PSICOLOGIA DEL LAVORO
-------
1.1. L’individuo al lavoro
- Caratteristiche cognitive: intelligenza e convinzioni:
o Simon, Kahneman e Tversky: razionalità vs irrazionalità;
o I bias cognitivi;
o Opinioni e atteggiamenti;
o Gardner (intelligenze multiple) e Goleman (intelligenza emotiva);

- Caratteristiche emotive: bisogni e motivazioni:
o Motivazioni intrinseche e motivazioni estrinseche;
o La Gerarchia dei bisogni di Maslow;
o L’autorealizzazione di Rogers
o La Teoria dei Due Fattori di Herzberg;

- Caratteristiche comportamentali: abilità e competenze:
o Abilità, capacità, skill e competenze;
o La valutazione della posizione (job description; job analysis; task analysis);
o La valutazione della prestazione (performance);
o La valutazione del potenziale: dai comportamenti ai costrutti sottostanti.

1.2. Il Gruppo al lavoro: le dinamiche
- Cooperazione vs Competizione (il T-Group di Lewin e i Gruppi di Incontro di Rogers);
- Inclusione vs Esclusione (il T-Group di Lewin e i Gruppi di Incontro di Rogers);
- Coesione vs Conflitto (conflitto fisiologico e conflitto patologico);
- Leadership vs Membership (Lewin, Likert, Fiedler e Bass)
- Dipendenza vs Autonomia (l’autenticità di Rogers)
- Orientamento al compito (efficienza operativa) vs Orientamento alla relazione (efficienza interattiva) – Bass.

1.3. L’Organizzazione
- Lo Sviluppo Organizzativo (Bennis e Schein):
- Selezione (Assessment Center e Development Center);
- Culture, sottoculture e controculture;
- Il Diversity Management;
- Il clima e il clima di sicurezza: stress, mobbing, burnout e infortuni sul lavoro.


Modulo: SOCIOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI
-------
Il programma si articola in due parti. Nella prima si affrontano le specificità della lettura sociologica delle organizzazioni, i modelli e le variabili organizzative, con particolare riferimento ai servizio alla persona. Nella seconda si trattano tre filoni di approfondimento: lo studio dell’organizzazione nelle diverse prospettive teoriche, i temi delle teorie organizzative e la progettazione organizzativa.

Modalità d'esame

Modulo: PSICOLOGIA DEL LAVORO
-------
L’esame sarà scritto, tre domande aperte e tre domande chiuse prese dal testo di studio


Modulo: SOCIOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI
-------
L’esame, sostenuto in forma orale, prevede la conoscenza dei testi indicati. Per quanto riguarda l’approfondimento (seconda parte) sono da concordare con il docente modalità e contenuti specifici.





© 2002 - 2020  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits