Laurea in Infermieristica (Trento)
(abilitante alla professione sanitaria di infermiere)

Corso disattivato non visibile

Area critica e dell'emergenza (2011/2012)

Codice insegnamento
4S01560
Crediti
7
Coordinatore
Amelia Marzano

L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
CHIRURGIA D'URGENZA 1,5 MED/18-CHIRURGIA GENERALE LEZIONI 1° SEM Giuseppe Tirone
MALATTIE APPARATO LOCOMOTORE 1 MED/33-MALATTIE APPARATO LOCOMOTORE LEZIONI 1° SEM Marco Molinari
RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA 1,5 MED/41-ANESTESIOLOGIA LEZIONI 1° SEM Manfred Pfaender
MEDICINA D'URGENZA 1 MED/09-MEDICINA INTERNA LEZIONI 1° SEM Amelia Marzano
INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA E DELL'EMERGENZA 1 MED/45-SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE LEZIONI 1° SEM Alessandra Magotti
INFERMIERISTICA CLINICA DELL'EMERGENZA 1 MED/45-SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE LEZIONI 1° SEM Nicola Ricci

Obiettivi formativi

Modulo: RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA
-------
.


Modulo: MEDICINA D'URGENZA
-------
Su situazioni di urgenza/emergenza selezionate in base alla loro rilevanza epidemiologica ed esemplarità ai fini della pratica infermieristica, saper gestire i principali problemi che mettono a rischio la vita e che si presentano frequentemente nell’emergenza; saper definire priorità di accertamento e di intervento.


Modulo: MALATTIE APPARATO LOCOMOTORE
-------
Il corso indirizzato a fornire elementi teorici e pratici utile all’inquadramento diagnostico ed all’assistenza al paziente con patologia che investa l’apparato locomotore. L’approccio viene trattato nelle linee essenziali con il fine prioritario di differenziare i quadri clinici ed il loro diverso trattamento.


Modulo: INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA E DELL'EMERGENZA
-------
Il Corso si propone di offrire allo studente l'opportunità di approfondire l'approccio clinico - assistenziale in alcune situazioni di criticità vitale selezionate in base alla loro rilevanza epidemiologica ed esemplarità ai fini della pratica infermieristica.


Modulo: INFERMIERISTICA CLINICA DELL'EMERGENZA
-------
Il corso si propone di approfondire aspetti fisiopatologici, clinici e assistenziali di alcune situazioni di urgenza/emergenza selezionate in base alla loro rilevanza epidemiologica ed esemplarità ai fini della pratica infermieristica.


Modulo: CHIRURGIA D'URGENZA
-------
.

Programma

Modulo: RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA
-------
.


Modulo: MEDICINA D'URGENZA
-------
• Embolia polmonare
• Squilibri elettrolitici
• Edema polmonare acuto
• Coma iperosmolare e coma chetoacidosico


Programma in forma estesa:
• L’embolia polmonare:
- Individuazione dei segni e sintomi e problemi del paziente per intervenire con criteri di priorità e monitoraggio dell’evoluzione clinica.
- Le situazioni a rischio e le scale di valutazione oggettiva del rischio.
- Le opzioni diagnostico-terapeutiche attivate in fase acuta, gli interventi clinici assistenziali, farmacologici e di supporto da realizzare e il monitoraggio in fase post acuta.
• Gli squilibri idroelettrolitici: iperkaliemia e ipokaliemia; ipernatriemia e iponatriemia: principali problematiche e loro monitoraggio
• L’edema polmonare acuto: meccanismi fisiopatologici, clinica e cenni di terapia
Complicanze metaboliche acute del diabete: eziologia, similitudini e differenze tra le due principali complicanze: chetoacidosi diabetica e stato iperglicemico iperosmolare. L’argomento sarà trattato con l’utilizzo di un caso a tappe.


Modulo: MALATTIE APPARATO LOCOMOTORE
-------
- TRAUMATOLOGIA
- ARTROSI
- LOMBOSCIATALGIA
- OSTEPOPOROSI



- TRAUMATOLOGIA. Vengono definiti gli aspetti peculiari dei singoli traumi, limitatamente ai quadri di più frequente presentazione: epidemiologia, fisiopatologia, clinica, diagnostica strumentale e terapia.
- ARTROSI. Attraverso note di istologia, biochimica, anatomia patologia e fisiologia si definiscono i quadri clinici di più frequente presentazione, l’inquadramento strumentale diagnostico e le scelte terapeutiche.
- LOMOBOSCIATALGIA. Note cliniche e terapeutiche.
- OSTEOPOROSI. Inquadramento clinico , epidemiologia, fattori di rischio, fisiopatologia, diagnosi e terapia.


Modulo: INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA E DELL'EMERGENZA
-------
La specificità del nursing di area critica: indicatori e criteri per definire criticità, il monitoraggio, gestione di bisogni/problemi trasversali ( nutrizione, cura del cavo orale, alterazione del sonno). Bisogni psicologici-relazionali dell’utente e della famiglia. Assistenza a persona in insufficienza respiratoria con supporto respiratorio non invasivo, a persona con trauma cranico e compromissione della coscienza.




Programma in forma estesa:
Elementi propedeutici

Definizione dello stato di criticità: criteri di valutazione clinica e uso scale di assessment
I bisogni di comunicazione ed informazione del paziente critico
I bisogni della famiglia e modalità di supporto
La triade professionisti - paziente e famiglia e la presenza della famiglia
Educare in situazioni di criticità
Lo stress della persona e dei familiari in situazioni critiche e strategie di gestione
L’alterazione del sonno del paziente critico, dolore da manovra invasiva

Assistenza a Persona con trauma cranico e con compromissione dello stato di coscienza:

Interventi assistenziali di monitoraggio e prevenzione dell’ipertensione endocranica: il posizionamento, altenzioni negli cure igieniche e mobilizzazione,
Supporto nutrizionale: Enterale versus parenterale
Disturbi comportamentali: informazione ed educazione del famigliare
La cura globale della persona: cura dell’occhio, comfort, stimolazione sensoriale, e interventi per garantire la sicurezza


Assistenza a persona con insufficienza respiratoria:
• La ventilazione meccanica non invasiva nella persona con insufficienza respiratoria acuta e cronica
Differenze con la ventilazione invasiva
Gestione della ventilazione non invasiva: presidi e modalità di gestione, esiti attesi e monitoraggio, impatto sul paziente e limitazioni nella comunicazione, la prevenzione delle infezioni polmonari (cura cavo-orale, umidificazione e idratazione)

• Aspirazione oro e tracheo bronchiale e gestione paziente con tracheostomia


Modulo: INFERMIERISTICA CLINICA DELL'EMERGENZA
-------
Rispetto alle situazioni cliniche scelte, gli studenti dovranno apprendere la capacità di rispondere ed agire in situazioni di criticità nei vari contesti che richiedono interventi tempestivi, complessi, coordinati e continuativi. Il corso pone l’enfasi sull’accertamento, sulla gestione dei problemi che mettono a rischio la vita della persona e che si presentano frequentemente, sulla capacità di definire le priorità sia di accertamento che di intervento.


Programma in forma estesa:

Al termine del corso lo studente deve essere in grado di:
• Motivare i comportamenti adeguati alle diverse situazioni di emergenza ed urgenza che possono verificarsi in ambito territoriale.
• Riconoscere i criteri organizzativi che caratterizzano gli interventi d’urgenza e l’importanza dell’integrazione del team multiprofessionale.
• Definire i criteri e i codici del Triage.
• Descrivere gli aspetti organizzativi nella gestione dell’emergenza.
• Descrivere l’organizzazione dei soccorsi territoriali.
• Individuare gli interventi per l’arresto cardiocircolatorio e il Basic Life Support.
• Individuare gli interventi di primo soccorso al politraumatizzato e il trasporto alle unità di cura.
• Descrivere gli interventi per gravi emorragie esterne.
• Riconoscere gli interventi di primo soccorso alla persona ustionata.
• Descrivere gli interventi di primo intervento in caso di annegamento, folgorazione, morso di vipera.


Modulo: CHIRURGIA D'URGENZA
-------
.

Modalità d'esame

Modulo: RIANIMAZIONE E TERAPIA INTENSIVA
-------
.


Modulo: MEDICINA D'URGENZA
-------
Esame scritto

Testi consigliati:
Lo studente può completare la sua preparazione ed approfondire gli argomenti sui seguenti testi:
• Agrò F., Urgenze ed emergenze medico-chirurgiche, Ed. Minerva Medica, Torino, 2000.
• Gai V, Medicina d’urgenza. Pratica e progresso, Ed. Medico Scientifiche, Torino, 2001.


Modulo: MALATTIE APPARATO LOCOMOTORE
-------
Scritto a scelta multipla


Testi consigliati:
Presentazione orale in blocchi di 2- 4 ore con supporto informatico in PP fornito in toto agli studenti.


Modulo: INFERMIERISTICA CLINICA IN AREA CRITICA E DELL'EMERGENZA
-------
Testi consigliati:
da concordare


Lo studente può completare la sua preparazione ed approfondire gli argomenti sui seguenti testi:

• HolloWay N. (2008). Piani di Assistenza in Medicina e chirurgia. II ed. italiana a cura di Anna Brugnolli , Luisa Saiani.Casa Ed. Idelson Gnocchi. Napoli
• Saiani L, Brugnolli A. (2011) Trattato di cure infermieristiche. Casa editrice Edilson Gnocchi, Napoli.
• Ranieri V.M., Mascia L., Terragni P., Urbino R. (2007) Elementi di anestesiologia e terapia intensiva. C.G. Edizioni Medico Scientifiche.Torino
• Zozzini S., Peruzzi S., (1999) La somministrazione dei farmaci in area critica, McGraw-Hill, Milano,


Modulo: INFERMIERISTICA CLINICA DELL'EMERGENZA
-------
Test a risposta multipla. Esame integrato di corso.


Testi consigliati:
Lo studente può completare la sua preparazione ed approfondire gli argomenti sui seguenti testi:
 ANIN (Associazione Nazionale Infermieri Neuroscienze) a cura di Spairani C., Lavalle T., Procedure, protocolli e linee giuida di assistenza infermieristica, Ed. Masson, Milano, 2000.
 Barcaiolo R., Infermieristica clinica in area critica, Ed. McGraw Hill, Milano, 1998.
 Gentili A., Nastasi M., Rigon L.A., Silvestri C., Manganelli P., Il paziente critico, Casa Ed. Ambrosiana, Milano, 1997.
 Holloway N.M., Piani di assistenza in area critica, Ed. Sorbona, Milano, 1992.
 Owen A., Il monitoraggio in area critica, Ed. McGraw Hill, Milano, 1992.
 Chiaranda M., Guida illustrate delle emergenze, Ed. Piccin, Padova 2007.
 Torre R., Luciani C, Sodo S. Paziente critico nelle patologie cardiovascolari. Poletto Editore, Milano 2005.
 Torre R., Da Fre A. Paziente critico nelle patologie respiratorie. Poletto Editore, Milano 2006.


Modulo: CHIRURGIA D'URGENZA
-------
.



© 2002 - 2022  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234