Laurea magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche - Bolzano

Metodologie didattiche e tutoriali (2018/2019)

Codice insegnamento
4S000456
Crediti
6
Coordinatore
Luisa Saiani

L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
PSICOLOGIA CLINICA E DEI GRUPPI 2 M-PSI/08-PSICOLOGIA CLINICA LMSIO BZ 1° ANNO 2° SEMESTRE Klara Astner
MODELLI DI APPRENDIMENTO DALL'ESPERIENZA 2 M-PED/01-PEDAGOGIA GENERALE E SOCIALE LMSIO BZ 1° ANNO 2° SEMESTRE Gertraud Girardi Battisti
METODOLOGIE DIDATTICHE E TUTORIALI 2 MED/45-SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE LMSIO BZ 1° ANNO 2° SEMESTRE Luisa Saiani

Obiettivi formativi

L'insegnamento si propone di sviluppare competenze tutoriali per facilitare processi di formazione infermieristica e ostetrica di base e avanzata nei setting clinici attraverso l’approfondimento delle teorie dell’apprendimento dall’esperienza, riflessivo e trasformativo, delle metodologie tutoriali e delle abilità comunicative funzionali all'instaurarsi di una relazione educativa. MODULO METODOLOGIE DIDATTICHE E TUTORIALI Obiettivi formativi:  approfondire metodi e strumenti della tutorship applicati anche ai contesti organizzativi per facilitare l’inserimento dei professionisti neoassunti  sviluppare competenze tutoriali applicate a processi di formazione infermieristica e ostetrica di base e avanzata, con particolare approfondimento del tutorato nei setting clinici. MODULO MODELLI DI APPRENDIMENTO DALL’ESPERIENZA Obiettivi formativi:  approfondire il significato del concetto di apprendimento secondo una prospettiva psicopedagogica 5  acquisire conoscenze sulle principali teorie di riferimento e sugli aspetti operativi dell’apprendimento nei contesti professionali  acquisire strumenti e competenze per l’apprendimento riflessivo  giungere ad una elaborazione personale dei concetti chiave dell’apprendimento. MODULO PSICOLOGIA CLINICA E DEI GRUPPI Obiettivi formativi:  acquisire le conoscenze scientifiche e le abilità comunicative funzionali all'instaurarsi di una relazione educativa e di collaborazione con il paziente e i suoi familiari  acquisire consapevolezza delle dinamiche di gruppo e della gestione dei conflitti.

Programma

Teorie psicologiche e modelli di apprendimento
Il sapere esperienziale e la formazione riflessiva
Tecniche comunicative, per la gestione dei conflitti, tecniche di negoziazione e assertività
Dinamiche di gruppo
Tutorship e sue declinazioni (tutor, coach, mentor, counselor)
Tutorialità e apprendimento organizzativo
Metodologie tutoriali (briefing, debriefing, feedback strutturato, piano di autoapprendimento, portfolio)

Modalità d'esame

L'esame si articola in una prova scritta con domande chiuse a risposta multipla per l'accertamento delle conoscenze ed un colloquio orale teso a verificare profondità e ampiezza delle conoscenze maturate, proprietà di linguaggio, abilità di integrare e collegare le conoscenze, capacità di trasferire le competenze apprese al loro contesto di pratica professionale, capacità analitica e argomentativa. La prova orale verte sull'intero programma.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
DI NUBILIA Renato, FEDELI Monica L' esperienza: quando diventa fattore di formazione e di sviluppo. Dall'opera di David A. Kolb alle attuali metodologie experiental learning Pensa Multimedia Ed 2010




© 2002 - 2020  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits