Laurea interateneo in Tecniche della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro (Trento - ex sede Ala)
(abilitante alla professione sanitaria di tecnico della prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro) d.m. 270/04

Laboratori professionali (terzo anno)

Codice insegnamento
4S000205
Docente
Marcello Cestari
Coordinatore
Marcello Cestari
crediti
1
Settore disciplinare
MED/50 - SCIENZE TECNICHE MEDICHE APPLICATE
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
TPALL 3° ANNO 2° SEMESTRE dal 1-feb-2019 al 31-mag-2019.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Far acquisire allo studente in un contesto protetto abilità pratiche relativamente alla individuazione, valutazione e gestione dei rischi e alla scelta delle misure di prevenzione e protezione atte ad eliminarli o ridurli, in un ambiente di lavoro diversificato e complesso.

Programma

In collaborazione con la Protezione Civile trentina ed il Corpo Permanente dei Vigili del Fuoco di Trento in particolare con la SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI, il laboratorio si tiene nelle aule didattiche e nelle aree operative del centro operativo di addestramento della protezione civile sito a Marco di Rovereto loc. Lavini.

L’attività di laboratorio si articola su tre giornate di 6 ore la prima, di 7 ore le successive.
Il laboratorio si articolerà in una introduzione teorica, approfondimento sui metodi di lavoro, un ampia fase di lavoro (di cui parte di personale esperienza concreta sul campo produttivo, parte lavoro di gruppo in aula e parte lavoro individuale in aula) ed una fase finale di confronto sui risultati.
Gli studenti sono divisi in gruppi, all’interno del gruppo c’è un lavoro personale in quanto ognuno è responsabile della stesura di una propria scheda su determinati rischi. In particolare
- rischio generale dell’area complessa, interferenziale, stesura DUVRI
- rischio incendio ed esplosioni; rischi derivanti da depositi di infiammabili e gas, rischi da perdite di gas, rischi esplosione da polveri; prove spegnimento con estintore; esercitazione detonazione gas, olio caldo, ecc
- macchine semoventi, rischio ribaltamento, rischio meccanico
- valutazione rischi e previsione misure di sicurezza per due simulazioni
1 intervento presso aree colpite da sisma o per scoppio gas e crollo immobile
2 organizzazione evento sportivo: previsione rischi e definizione misure di sicurezza

Modalità d'esame

Il docente fornirà ad ogni studente gli strumenti e il materiale necessario allo svolgimento dell’attività di laboratorio. Allo studente è richiesto di portare indumenti protettivi generici (tuta da lavoro) e i DPI in dotazione.
È necessaria la frequenza obbligatoria del 100% del monte ore previsto per il laboratorio.

È prevista una valutazione del livello di abilità raggiunto dallo studente in laboratorio che attesta la capacità di applicazione nei contesti reali di tirocinio.
In particolare sarà valutato il lavoro individuale d’aula e l’esame orale.
Per supporto all’esame orale lo studente dovrà redigere una relazione su quanto effettuato al laboratorio sia come esperienza che come considerazioni in materia di sicurezza.

Ricevimento su richiesta, chiedere via e-mail

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018






© 2002 - 2020  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits