Laurea in Fisioterapia (Vicenza)
(abilitante alla professione sanitaria di fisioterapista) d.m. 270/04

Chinesiologia e valutazione funzionale (2018/2019)

Codice insegnamento
4S007228
Crediti
8
Coordinatore
Chiara Della Libera

L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
CHINESIOLOGIA FUNZIONALE 2 MED/48-SCIENZE INFERMIERISTICHE E TECNICHE NEURO-PSICHIATRICHE E RIABILITATIVE FISIO VI 1^ ANNO - 2^ SEMESTRE Valentina Lazzari
FISIOLOGIA DEI SISTEMI MOTORI 2 BIO/09-FISIOLOGIA FISIO VI 1^ ANNO - 2^ SEMESTRE Chiara Della Libera
BIOMECCANICA E CHINESIOLOGIA SEGMENTALE 2 MED/48-SCIENZE INFERMIERISTICHE E TECNICHE NEURO-PSICHIATRICHE E RIABILITATIVE FISIO VI 1^ ANNO - 2^ SEMESTRE Sergio Rigoni
VALUTAZIONE FUNZIONALE IN FISIOTERAPIA 2 MED/48-SCIENZE INFERMIERISTICHE E TECNICHE NEURO-PSICHIATRICHE E RIABILITATIVE FISIO VI 1^ ANNO - 2^ SEMESTRE Enrica Cecchin

Obiettivi formativi

Fornire conoscenze di base riguardanti la fisiologia dei sistemi motori, la biomeccanica, la chinesiologia e le metodiche di valutazione funzionale in fisioterapia.

MODULO: FISIOLOGIA DEI SISTEMI MOTORI Fornire le conoscenze per comprendere la fisiologia del muscolo scheletrico striato e i meccanismi neurofisiologici del controllo motorio. Conoscere l'organizzazione e la funzione dei sistemi che governano il movimento del corpo umano.

MODULO: BIOMECCANICA E CHINESIOLOGIA SEGMENTALE Comprendere ed analizzare gli aspetti meccanici del movimento basandosi su concetti legati alla cinematica e alla dinamica del movimento umano. 5 Descrivere i movimenti articolari fisiologici ed accessori. Comprendere i fattori biomeccanici che influenzano la capacità di un muscolo di erogare forza. Data un’articolazione, analizzare e rappresentare graficamente le forze in gioco su di essa calcolando i momenti interni ed esterni sia in contesti statici che dinamici. Descrivere le proprietà inerziali e le forze di attrito e comprendere come queste influenzino il movimento umano sia in un contesto locale che globale. Conoscere le proprietà viscoelastiche dei tessuti. Conoscere la fisiologia delle articolazioni del corpo umano e analizzare le azioni muscolari, gli stress e gli stiramenti della componente articolare e la biomeccanica specifica. Eseguire, in ottica clinica, un'analisi del movimento dal punto di vista meccanico tenendo conto dei seguenti domini: cinematica, cinetica, ruoli muscolari, sistemi di leva, sistemi inerziali e altre variabili.

MODULO: CHINESIOLOGIA FUNZIONALE Comprendere i concetti di catena muscolare, muscoli sinergici, agonisti / antagonisti, stabilizzatori in relazione al gesto funzionale generale. Conoscere la biomeccanica dei movimenti funzionali fisiologici della colonna, delle posizioni statiche (supino, seduto, in piedi) e dei gesti funzionali fisiologici di base che coinvolgono più articolazioni (passaggi posturali). Conoscere e valutare la biomeccanica dei movimenti funzionali degli arti superiori (raggiungimento, presa, manipolazione) Conoscere e valutare la biomeccanica dei movimenti funzionali degli arti inferiori (deambulazione, salita/discesa delle scale). Sapere descrivere le alterazioni delle posture, dei passaggi posturali e dei gesti funzionali (deambulazione, salita/discesa delle scale, raggiungimento-presa-manipolazione di oggetti) e ipotizzarne per lo meno in via generale i possibili determinanti biomeccanici.

MODULO: VALUTAZIONE FUNZIONALE IN FISIOTERAPIA Eseguire la valutazione articolare e muscolare di tutti i distretti corporei riconoscendo le alterazioni quantitative e qualitative, la misurazione circonferenziale degli arti, la valutazione dei principali parametri cardiocircolatori e respiratori. Integrare i dati rilevati con l’osservazione delle alterazioni di posture e gesti. Conoscere le scale di valutazione in fisioterapia per la valutazione di fenomeni complessi con le relative proprietà psicometriche. Somministrare correttamente scale di valutazione autosomministrate o etero somministrate.

Programma

------------------------
MM: CHINESIOLOGIA FUNZIONALE
------------------------

------------------------
MM: FISIOLOGIA DEI SISTEMI MOTORI
------------------------
Nella prima parte del corso saranno esaminate le caratteristiche delle membrane cellulari, la meccanica della contrazione muscolare e le proprietà delle unità motorie. Nella seconda saranno considerati i meccanismi di controllo di postura e movimento volontario, e la modulazione del movimento da parte di cervelletto e gangli della base. - Generalità del controllo motorio - Anatomia funzionale del muscolo scheletrico e meccanismi alla base della contrazione muscolare - La giunzione neuromuscolare: eccitazione del muscolo scheletrico - Proprietà e classificazione delle unità motorie - Meccanismi spinali di coordinazione motoria - Controllo della postura e dell'equilibrio - Controllo del movimento volontario - Gangli della base e movimento - Cervelletto e movimento
------------------------
MM: BIOMECCANICA E CHINESIOLOGIA SEGMENTALE
------------------------
-Definire i piani del movimento, la posizione anatomica e la classificazione dei movimenti articolari con le relative eccezioni. Definire i sistemi di riferimento ed i vettori. -Definire le caratteristiche delle leggi di gravità applicate al corpo umano, le tavole delle dimensioni somatiche lineari, delle dimensioni ponderali e delle distanze dei baricentri dai fulcri -Identificare il vettore delle forza muscolare in base all'anatomia del muscolo scegliendo il punto di applicazione, la direzione, il verso e il modulo e scomporlo nelle componenti rotazionali e assiali, costruendo il rettangolo biomeccanico e utilizzando le principali formule trigonometriche -Individuare il principio di reciprocità muscolare e i principali fattori meccanici che influenzano l'intensità della tensione muscolare: tipo di contrazione, orientamento delle fibre muscolari; rapporto tensione/lunghezza e tensione velocità -Definire le forze di attrito applicate al corpo umano, i concetti di catena cinetica chiusa e aperta e i principali esempi applicati al corpo umano -Analizzare un gesto segmentario individuando le forze esterne ed interne, considerando i relativi momenti rispetto ad uno o più assi opportunamente scelti e tracciare un diagramma esplicativo -Descrivere le curve del rachide nel loro insieme, la vertebra tipo, gli elementi di connessione intervertebrale e le divisioni funzionali del rachide, la fisiologia del disco intervertebrale. -Descrivere i movimenti del rachide nel suo insieme -Descrivere la fisiologia articolare del rachide lombare nel suo insieme, i relativi movimenti e i fattori limitanti normali, l'azione dei muscoli agenti su di esso, la statica del rachide lombare in posizione eretta -Descrivere la fisiologia articolare del rachide dorsale nel suo insieme, i relativi movimenti e i fattori limitanti normali, l'azione dei muscoli agenti su di esso, Descrivere la fisiologia articolare delle articolazioni costo-vertebrali e sternocostali, le deformazioni del torace durante l’inspirazione e l'espirazione e le azioni dei muscoli della respirazione e le relazioni tra diaframma e muscoli addominali -Descrivere la fisiologia articolare del rachide cervicale nel suo insieme e nel dettaglio deisuoisegmentisuperioreed inferiore, i relativi movimenti e i fattori limitanti normali, l'azione dei muscoli agenti su di esso, l'equilibrio del capo sul rachide cervicale -Descrivere la fisiologia articolare dell'articolazione temporo-mandibolare e l'azione dei muscoli agenti su di essa -Descrivere la fisiologia articolare del cingolo scapolare nel suo insieme e delle relative articolazioni, i relativi movimenti e i fattori limitanti normali, l'azione dei muscoli agenti su di esso, i fattori di coattazione articolare della gleno-omerale -Descrivere la fisiologia articolare del complesso articolare del gomito e delle articolazioni radio-ulnari, i relativi movimenti e i fattori limitanti normali, l'azione dei muscoli agenti su di essi, i fattori di coattazione articolare del gomito -Descrivere la fisiologia articolare del polso, delle articolazioni delle dita lunghe e del pollice, i relativi movimenti e i fattori limitanti normali, l'azione dei muscoli agenti su di esso -Descrivere l'architettura e la posizione di funzione della mano nel suo insieme e la chinesiologia della prensione -Descrivere l'architettura e la fisiologia articolare della cintura pelvica e delle articolazioni sacro-iliache, dell'articolazione coxo-femorale, i relativi movimenti e i fattori limitanti normali, l'azione dei muscoli agenti su di esso -Descrivere la fisiologia articolare del complesso articolare del ginocchio, i relativi movimenti e i fattori limitanti normali, l'azione dei muscoli agenti su di esso, i fattori di stabilità del ginocchio -Descrivere la fisiologia articolare della tibio-tarsica, relativi movimenti e i fattori limitanti normali, l'azione dei muscoli agenti su di essa, i fattori di stabilità della tibio- tarsica -Descrivere la fisiologia articolare delle articolazioni del piede e delle dita, i relativi movimenti e fattori limitanti normali, l'azione dei muscoli agenti su di esse. -Descrivere l'architettura generale della volta plantare, la ripartizione generale dei carichi e delle deformazioni, l'adattamento della volta plantare al terreno
------------------------
MM: VALUTAZIONE FUNZIONALE IN FISIOTERAPIA
------------------------

Modalità d'esame

------------------------
MM: CHINESIOLOGIA FUNZIONALE
------------------------

------------------------
MM: FISIOLOGIA DEI SISTEMI MOTORI
------------------------
Esame scritto con eventuale integrazione orale.
------------------------
MM: BIOMECCANICA E CHINESIOLOGIA SEGMENTALE
------------------------
Obiettivi: Per superare l'esame gli studenti dovranno dimostrare di aver appreso i contenuti teorici del presente insegnamento. Contenuti: I contenuti dell'esame riguardano tutti gli argomenti trattati a lezione e riportati per esteso nel programma di questo corso. Modalità di accertamento: - prova scritta (test a risposta multipla) - prova orale mediante colloquio con il docente ; Modalità di valutazione: - prova scritta (punteggio da 0-30); -prova orale (punteggio da 0-30); Il voto finale sarà dato dalla media delle due singole prove e sarà espresso in 30esimi. Non sono previste differenze di esame tra studenti frequentanti e non frequentanti.
------------------------
MM: VALUTAZIONE FUNZIONALE IN FISIOTERAPIA
------------------------

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Bear, Connors, Paradiso Neuroscienze. Esplorando il cervello (Edizione 4) Edra 2016
Purves, Augustine, Fitzpatrick, Hall, LaMantia e White Neuroscienze (Edizione 4) Zanichelli 2013 Quarta edizione italiana condotta sulla quinta edizione americana
Kandel e coll. Principi di Neuroscienze (Edizione 4) Ambrosiana 2015 9788808184450
KAPANDJI I.A. Fisiologia articolare, 3 voll. Monduzzi, Bologna 1999
Kendall, McCreary, Provance I muscoli: funzioni e test 2005
Clarkson H.M. Valutazione cinesiologica. Esame della mobilità articolare e della forza muscolare. (Edizione 2) Edi-ermes 2002




© 2002 - 2019  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits