Laurea in Fisioterapia (Verona)
(abilitante alla professione sanitaria di fisioterapista) d.m. 270/04

Tirocinio professionalizzante (secondo anno)

Codice insegnamento
4S01546
Docente
Cristina Scuma'
Coordinatore
Cristina Scuma'
crediti
20
Settore disciplinare
MED/48 - SCIENZE INFERMIERISTICHE E TECNICHE NEURO-PSICHIATRICHE E RIABILITATIVE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
VERONA
Periodo
FISIO VR 2^ ANNO - 2^ SEMESTRE dal 1-feb-2019 al 22-mar-2019.

Orario lezioni

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

Al termine del 2° anno, in riferimento alle attività core, lo studente acquisirà le abilità che seguono nei diversi ambiti:
CURA E RIABILITAZIONE
Finalizzato a fornire le conoscenze relative alle modificazioni motorie, cognitive e funzionali nell’ambito della patologia ortopedica e neurologica dell’adulto e del bambino contribuendo alla formulazione del progetto riabilitativo della persona e realizzare parte di un programma fisioterapico con supervisione della Guida di tirocinio.
Acquisire, nelle esperienze di tirocinio, le relative competenze professionali nei contesti clinici in cui lo studente può sperimentare abilità intellettive, relazionali e gestuali.
Riconoscere gli aspetti teorici che emergono nella pratica clinica, ricercando le migliori evidenze disponibili in letteratura per confrontarsi con una comunità professionale di riferimento allo scopo di acquisire la “miglior pratica possibile”.
Osservare e descrivere lo sviluppo del bambino (0-5 anni) nelle seguenti funzioni: dell’autonomia, relazionale, percettivo/sensoriale, locomotoria, manipolativa, comunicativa e cognitiva (2° anno)
Modalità di verifica dell'apprendimento
Valutazione formativa dei tutor clinici.
Feedback tutoriale di valutazione durante il tirocinio (attraverso portfolio, schede di valutazione strutturate e report clinici sulla pratica professionale).
Testi di Riferimento
Articoli di approfondimento. Materiale delle attività tutoriali. Bibliografia degli insegnamenti propedeutici da piano didattico.
PREVENZIONE
Effettuare la prevenzione primaria delle problematiche muscolo-scheletriche ed identificare il rischio di complicanze secondarie per sé e per le persone assistite. Rispettare le norme di sicurezza ed igiene sui luoghi di lavoro per la prevenzione delle infezioni, durante le attività richieste sui pazienti nella struttura di tirocinio frequentata.
EDUCAZIONE TERAPEUTICA
Conoscere, osservare, descrivere le strategie pedagogiche per un efficace insegnamento al paziente con patologia ortopedica e neurologica (al caregiver, alla famiglia), basate sul concetto di apprendimento motorio e sui metodi per motivare il paziente a seguire il programma di esercizi con la guida del fisioterapista.
COMUNICAZIONE E RELAZIONE
Assumere un atteggiamento attivo di ascolto nei momenti in cui il Fisioterapista guida di tirocinio, si relaziona con il paziente, con il caregiver e con l’équipe. Utilizzare tutte le strategie di comunicazione nella relazione con la persona assistita e i suoi familiari nel rispetto del vissuto e delle aspettative del paziente. Rispettare idee, opinioni e culture diverse
RESPONSABILITA’ PROFESSIONALE
Aderire ai i principi etici e di riservatezza (codice deontologico e normativa privacy) nel linguaggio e nelle azioni compiute
Identificare i propri limiti di competenza e di responsabilità. Assumere la responsabilità delle azioni compiute e conciliare le proprie esigenze in relazione a quelle altrui nel rispetto delle regole delle diverse organizzazioni.
Assumere consapevolezza per una gestione responsabile della documentazione relativa al paziente e al proprio percorso formativo (strutture e strumentazione sia nella sede di formativa che di tirocinio)
GESTIONE E MANAGEMENT
Identificare con il tutor/guida le attività di tirocinio nel rispetto dei vincoli normativi e organizzativi e scegliere gli strumenti informativi utili per la definizione del progetto fisioterapico utilizzando la cartella fisioterapica per inquadrare il paziente osservato.
Compilare la documentazione relativa all’attività di tirocinio e la consegna nei tempi previsti, secondo le indicazioni concordate con la sede accademica.
FORMAZIONE ED AUTOFORMAZIONE
Contribuire in modo attivo, guidato dai tutor, alla definizione degli obiettivi formativi (sia nella sede universitaria che in tirocinio). Definire con i tutor e le guide di tirocinio le migliori opportunità
Di tirocinio per raggiungere gli obiettivi d’anno e di ambito.
Sviluppare abilità competenti e indipendenti di risoluzione dei problemi dimostrando la capacità di ricercare con continuità le opportunità di autoapprendimento.
Assumere responsabilità per il proprio sviluppo professionale e per rispondere ai continui cambiamenti delle conoscenze e dei bisogni sanitari e sociali.
Utilizzare l’autovalutazione del proprio livello formativo per mantenere il proprio sapere al più alto livello richiesto per la pratica professionale. Acquisire capacità di autocritica
Chiedere ed accettare feedback, riflettere sulle proprie perfòrmance e autovalutarsi. Verificare ed integrare al bisogno le proprie conoscenze teoriche.
PRATICA BASATA SULLE PROVE DI EFFICACIA (EPB)
Approfondire le conoscenze con riferimenti bibliografici aggiornati nello scegliere un trattamento o a fronte di una problematica clinica, ricercare e considerare le migliori evidenze disponibili in letteratura e/o in uso nella sede di tirocinio.
Utilizzo della Classificazione Internazionale del Funzionamento (ICF) per la definizione di un progetto riabilitativo.
Prerequisiti
Tirocini del primo anno di corso; laboratori ed esercitazioni del 2° anno di Corso; conoscenze di base di informatica, inglese e statistica; bibliografia degli insegnamenti propedeutici da piano didattico.

Programma

Il 2° anno è finalizzato a fornire le conoscenze relative alle modificazioni motorie, cognitive e
funzionali nell’ambito della patologia ortopedica e neurologica dell’adulto e del bambino e
ad acquisire, nelle esperienze di tirocinio, le relative competenze professionali nei
contesti clinici in cui lo studente può sperimentare abilità intellettive, relazionali e
gestuali; individuare aspetti teorici che emergono nella pratica clinica, ricercando le
migliori evidenze disponibili in letteratura per confrontarsi con una comunità professionale
di riferimento allo scopo di acquisire la “miglior pratica possibile”.
TIROCINIO GUIDATO
Attività tutoriali di briefing e di riflessione e rielaborazione /debriefing, al termine di ogni esperienza.
TIROCINIO PER LE COMPETENZE CORE DEL SECONDO ANNO
- Tirocinio guidato di quattro settimane nei Servizi di riabilitazione muscolo scheletrica con adulti
e anziani con problematiche principalmente muscolo-scheletriche, acute o post-acute (in trattamento conservativo o post-chirurgico) o croniche.
- Tirocinio guidato di quattro settimane nei Servizi di riabilitazione muscolo scheletrica con adulti e anziani con problematiche principalmente muscolo-scheletriche, acute o post-acute (in trattamento conservativo o post-chirurgico) o croniche.
- Tirocinio guidato di quattro settimane nei Servizi di riabilitazione neurologica con adulti e anziani con problematiche neurologiche.
Ambiti di competenza:
comunicazione/relazione; cura e riabilitazione; formazione/autoformazione; gestione e management; responsabilità professionale; prevenzione.
Tipologia di utenza:
Pazienti adulti o anziani con problematiche muscolo-scheletriche e a carico dei sistemi neurologici e neuromotori sia in regime di degenza che ambulatoriale.

Metodi didattici
Affiancamento al tutor clinico/guida di tirocinio ; esercitazioni di integrazione delle lezioni teoriche e abilità pratiche, briefing e debriefing, compilazione della cartella fisioterapica didattica e report di tirocinio.
- Attività tutoriali guidate dal coordinatore e tutor didattico, in gruppo e con singolo studente, per la definizione degli obiettivi formativi, rielaborazione delle esperienze in tirocinio, approfondimenti teorici laboratori/esercitazioni, casi clinici “su carta” e attività di skill-lab con professionisti esperti.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
J.-J. Guilbert GUIDA PEDAGOGICA PER IL PERSONALE SANITARIO (Edizione 4) Pelisciani e Lotti 2002 978-88-7553-024-2
AIFI Linee guida per la formazione del fisioterapista - Core competence Masson 2003 9788821427220
Anna Castellucci , Leonardo Marletta , Luisa Saiani , Guido Sarchielli Viaggi guidati. Il tirocinio e il processo tutoriale nelle professioni sociali e sanitarie Franco Angeli 1997 9788846400062

Modalità d'esame

Elaborazione del contratto di apprendimento da parte del tutor didattico di sede, valutazione formativa del tirocinio da parte del tutor/guida di tirocinio mediante compilazione di schede valutative di metà e fine esperienza.
E’ richiesta la partecipazione obbligatoria a seminari/laboratori/esercitazioni.
Requisiti per l’ammissione all’esame
Lo studente deve:
aver partecipato ai laboratori propedeutici ai tirocini
aver superato con esito positivo i laboratori propedeutici
aver frequentato il tirocinio clinico per tutto il monte ore previsto
aver riportato esito positivo nella valutazione formativa del tirocinio clinico
aver presentato gli elaborati di tirocinio
Modalita d'esame
ESAME TIROCINIO: CASO CLINICO “SU CARTA” PROVA TEORICO-PRATICA e Valutazione sommativa dei tirocini- VOTO FINALE.

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018






© 2002 - 2020  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits