Laurea in Infermieristica (Verona)
(abilitante alla professione sanitaria di infermiere) d.m. 270/04

Relazione di aiuto nei processi assistenziali [Matricole dispari] (2018/2019)

Codice insegnamento
4S000096
Crediti
5
Coordinatore
Francesca Todesco

L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
PRINCIPI E TECNICHE DELLA RELAZIONE ASSISTENZIALE 2 MED/45-SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE INF VR - 2° anno 1° sem Francesca Todesco
EDUCAZIONE TERAPEUTICA 1 MED/45-SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE INF VR - 2° anno 1° sem Roberta Doro
PSICOLOGIA CLINICA 2 M-PSI/08-PSICOLOGIA CLINICA INF VR - 2° anno 1° sem Michela Rimondini

Obiettivi formativi

L’insegnamento introduce lo studente ad una visione globale dello sviluppo psicologico dell’individuo nella complessità, dei fattori che interagiscono e alla comprensione dei bisogni espressi nella domanda di aiuto, tenendo conto delle fasi di sviluppo della vita, delle capacità e degli adattamenti richiesti nelle varie tappe evolutive; inoltre introduce ai principi fondativi della relazione assistenziale, alle tecniche e alle strategie di gestione di una comunicazione efficace.

Programma

Modulo: PRINCIPI E TECNICHE DELLA RELAZIONE ASSISTENZIALE
-------
Il corso introduce ai principi fondamentali della relazione assistenziale, alle tecniche ed alle strategie per una gestione della comunicazione efficace.

1. Percezione della realtà e comunicazione interpersonale
 il processo della percezione interpersonale
2. Il processo comunicativo
 gli assiomi della comunicazione umana di Watzlawick
 forme di comunicazione (verbale, paraverbale, non verbale)
3. La relazione assistenziale
- la competenza sociale e il ruolo delle abilità sociali nell’interazione
- i principi della relazione assistenziale (accettazione incondizionata, congruenza, ascolto, empatia, rispetto, fiducia)

4. Ascolto Critico e Ascolto Empatico
5. Empatia - Le condizioni necessarie all’empatia
6. Le due strutture del linguaggio
7. La realtà e le sue rappresentazioni
8. Sistemi rappresentazionali: sistema vak
9. Il metodo calibrazione – ricalco – guida
10. Tecniche che facilitano il colloquio nella relazione assistenziale- il modello dell’agenda del paziente per esplorare la soggettività (illness)
11. Ambiti problematici della comunicazione in assistenza;
- la comunicazione in presenza di deficit sensoriali (visivo e/o uditivi) disturbi del linguaggio, stato di deprivazione ambientale, con persone aggressive a domicilio
12. Approccio relazionale con la persona morente e come essere di aiuto a chi ha subito un lutto

Durante il corso sono previste esercitazioni in gruppo, proiezioni di video, frame di film, analisi guidata dal docente di situazioni relazionali.



Modulo: EDUCAZIONE TERAPEUTICA
-------
La metodologia dell’educazione terapeutica
Le fasi della progettazione educativa: analisi dei bisogni educativi, diagnosi educative, obiettivi e contratto di apprendimento, organizzazione dell’intervento, valutazione
Principi e tecniche per facilitare una comunicazione/ relazione educativa per motivare, sostenere, informare e addestrare la persona assistita ad assumere nuovi comportamenti nello stile di vita, a gestire i trattamenti terapeutici


Modulo: PSICOLOGIA CLINICA
-------
La psicologia clinica: definizione, campi di intervento, relazione con la psichiatria.
Tipologie di interventi psicologici.Le reazioni emotive nel colloquio: transfert e controtransfert.
Il ciclo di vita e la prospettiva psicosociale di E. Erikson.
Lo sviluppo psicologico del bambino (le fasi psicosessuali di S. Freud, la teoria dell'attaccamento di J. Bowlby, lo sviluppo dell'intelligenza di J. Piaget). La teoria della personalità in psicanalisi (Io, Es, Super Io, Ideale dell'Io, meccanismi di difesa, conflitto psichico) .
Le emozioni e il concetto di intelligenza emotiva.
Concetto di stress, stressor, distress, eustress, coping. stress management.
Il burnout (definizione e sintomi): rischio del burnout nella professione infermieristica. Fattori predisponenti individuali e situazionali, fattori protettivi.
Le reazioni psicologiche e i meccanismi di difesa alla malattia nel paziente, nei familiari, nell'infermiere.
Le reazioni psicologiche del paziente ospedalizzato (internistico, cronico, chirurgico) e la relazione con l'infermiere.
L'ospedalizzazione in età evolutiva: le reazioni psicologiche alla malattia e all'ospedalizzazione nel bambino e nell'adolescente. Il reparto prematuri e l'oncologia pediatrica.
L'anziano: peculiarità dell'invecchiamento e cambiamenti personali e relazionali; aree problematiche con particolare riferimento alla dipendenza fisica e alle modificazioni cognitive (il deterioramento cognitivo lieve, la demenza, la sindrome confusionale); il rapporto con la famiglia.
Il paziente con prognosi infausta: la comunicazione della cattive notizie; reazioni psicologiche nel paziente, nei familiari, nell'infermiere.
La morte nella cultura occidentale, luoghi e modi del morire, reazioni psicologiche del morente, assistenza al morente e ai familiari, la morte in età evolutiva, il lutto e le fasi di elaborazione.

Modalità d'esame

Modulo: PRINCIPI E TECNICHE DELLA RELAZIONE ASSISTENZIALE ------- Esame scritto Saranno proposte domande aperte e domande chiuse (da 10 a 20). Verrà dato un tempo di 60 minuti (circa) L’esame prevede la conoscenza delle definizioni dei vari temi trattati, e la capacità di applicare tali conoscenze alle situazioni proposte . L’applicazione delle conoscenze prevede lo sviluppo delle seguenti abilità: • saper interpretare delle immagini (espressioni del viso, postura, prossemica) • saper analizzare le dinamiche di un colloquio e valutare criticamente i dialoghi riconducendo le osservazioni ai principi della relazione assistenziale, alle tecniche, alle aree dell’agenda e al sistema CRG. • saper riconoscere le tecniche utilizzate in un dialogo (verbali & non verbali), (CRG) • saper riconoscere le aree dell’agenda del paziente esplorate dall’infermiere o esposte dal paziente • saper scegliere o elaborare (date delle situazioni) le tecniche di comunicazione più idonee (es. riformulazione, ricapitolazione, commenti empatici, ecc.) Modulo: EDUCAZIONE TERAPEUTICA ------- Esame scritto Modulo: PSICOLOGIA CLINICA ------- Esame scritto con domande aperte e questionario a risposte multiple

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Saiani e Brugnolli Trattato di cure infermieristiche (Edizione 2) Sorbona 2014
Anna Brugnolli - Luisa Saiani Trattato di cure infermieristiche Sorbona 2011
A. Brugnolli, L. Saiani Trattato di Medicina e Infermieristica "Un approccio di cure Integrate" (Edizione 1) SORBONA 2017 9788879476379
Saiani L., Brugnolli A. Trattato di cure infermieristiche Idelson Gnocchi, Napoli 2015 per la preparazione del presente esame studiare solo: capitolo 2 - capitolo 3 - capitolo 4 e capitolo 8 for the preparation of the present examination study only: chapter 2 - chapter 3 - chapter 4 and chapter 8




© 2002 - 2019  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits