Laurea in Infermieristica (Trento)
(abilitante alla professione sanitaria di infermiere) d.m. 270/04

Laurea in Infermieristica (Trento) (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere) D.M. 270/04

Fisiopatologia applicata all'infermieristica - INFERMIERISTICA CLINICA (2017/2018)

Codice insegnamento
4S000090
Crediti
3
Settore disciplinare
MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Lingua di erogazione
Italiano

Pagine collegate al corso



L'insegnamento è organizzato come segue:
Attività Crediti Periodo Docenti
Infermieristica clinica 1 1 INF TN - 1° anno 2° sem Anita Bevilacqua
Infermieristica clinica 2 2 INF TN - 1° anno 2° sem Alessandra Magotti

Vai all'orario delle lezioni

Obiettivi formativi

------------------------
MM: Infermieristica clinica 1
------------------------
Il corso di Infermieristica Clinica I e II si propone di fornire agli studenti contenuti e metodologia assistenziale di base e clinica relativamente alle aree di bisogno della persona assistita e alle cure infermieristiche “primarie”. In particolare all’identificazione, valutazione dei bisogni e problemi derivanti da deficit delle funzioni di base, alla pianificazione e realizzazione di interventi alla valutazione degli esiti. Si propone inoltre di sviluppare nello studente un approccio orientato alla definizione dei problemi, alla scelta degli interventi di prevenzione e gestione delle alterazioni della funzione respiratoria e di eliminazione, alla rilevazione e accertamento multidimensionale del dolore. Saranno privilegiate durante l’insegnamento metodi di didattica frontale associate a momenti di applicazione dei contenuti trattati a situazioni assistenziali (esercitazioni guidate, proiezioni di video, analisi di casi clinici, saranno utilizzate letture di testimonianze per analizzare e riflettere sulle percezioni e bisogni dei pazienti e famigliari).
------------------------
MM: Infermieristica clinica 2
------------------------
Il corso di Infermieristica Clinica I e II si propone di fornire agli studenti contenuti e metodologia assistenziale di base e clinica relativamente alle aree di bisogno della persona assistita e alle cure infermieristiche “primarie”. In particolare all’identificazione, valutazione dei bisogni e problemi derivanti da deficit delle funzioni di base, alla pianificazione e realizzazione di interventi alla valutazione degli esiti. Saranno privilegiate durante l’insegnamento metodi di didattica frontale associate a momenti di applicazione dei contenuti trattati a situazioni assistenziali (esercitazioni guidate, proiezioni di video, analisi di casi clinici, saranno utilizzate letture di testimonianze per analizzare e riflettere sulle percezioni e bisogni dei pazienti e famigliari).

Programma

------------------------
MM: Infermieristica clinica 1
------------------------
MM: Infermieristica clinica 1 Respirazione accertamento generale e definizione delle principali alterazioni ipossia, dispnea, cianosi, tosse, emottisi, ostruzione bronchiale, espettorato e ortopnea a) accertamento della respirazione b) interventi di base per favorire la respirazione e la clarence muco ciliare (cambio posturale, umidificazione, la tosse efficace, posizione) La gestione dell’ossigenoterapia (in ospedale e a lungo termine) Il dolore a) modelli di dolore (acuto, post-operatorio, da procedura, oncologico e cronico – ricorrente, breakthrough pain) b) classificazione del dolore in base all’eziopatogenesi e alla localizzazione c) accertamento del dolore cronico e acuto: principi guida, valutare le dimensioni del dolore, strumenti per la misurazione (NRS; VAS; multidimensionale) d) dolore da procedura diagnostico/terapeutica e assistenziale e) interventi non farmacologici Fonte: Saiani L., Brugnolli A., (2014). Trattato di Cure Infermieristiche. Napoli: Casa Editrice Idelson Gnocchi, Sorbona Capitoli 17 e 24. In base agli argomenti trattati potranno essere proposti alcuni articoli che verranno consigliati dal docente nel corso delle lezioni.
------------------------
MM: Infermieristica clinica 2
------------------------
La cura del corpo e la gestione assistenziale del deficit di cura di sé - significato sociale e culturale della cura del corpo - alterazioni della cura personale: fattori che influenzano autonomia e capacità o motivazioni della persona assistita alla cura di sé - valutazione della capacità di cura di sé - deficit di cura di sé: dati specifici di accertamento, interventi assistenziali ed effetti delle cure in una persona obbligata a letto - attività assistenziali di cura del corpo: la detersione e i principi guida; attività di igiene e cura del corpo in bagno o a letto. Cure igieniche parziali e totali (bagno a letto, pediluvio, lavaggio dei capelli) - igiene orale e dei denti: valutazione dell’igiene orale della persona, presidi e prodotti in base alle alterazioni. Igiene di routine del cavo orale e cura della protesi. Cura del cavo orale in paziente incosciente - definizione delle principali alterazioni del cavo orale - prevenzione e gestione della dermatite da pannolone, micosi e alopecia Le cure particolari: cura degli occhi dei pazienti con alterazione dello stato di coscienza, cura del piede diabetico (aspetti generali di igiene e cura di base), gestione del prurito Eliminazione urinaria segni e sintomi più frequenti nei disturbi urinari (poliuria, oliguria, disuria, anuria) e principali alterazioni (incontinenza e ritenzione urinaria, infe) - accertamento della funzione urinaria e procedure diagnostiche - IVU: dati specifici di accertamento presenza/rischio e interventi assistenziali - Incontinenza urinaria: tipi (funzionale, d’urgenza, da stress…), interventi di prevenzione e gestione, esercizi riabilitativi, temporizzazione della minzione, l’uso del pannolone, dell’urocontrol. Peculiarità dell’anziano - ritenzione urinaria cronica e acuta: interventi assistenziali e protocollo di gestione della acuta - gestione assistenziale della persona con catetere vescicale: posizionamento e metodologie alternative meno invasive, cura, rimozione e prevenzione delle IVU ad esso associate. - La raccolta di un campione di urina sterile con e senza catetere, il monitoraggio della diuresi Esame obiettivo metodologia e contenuti (modalità di osservazione e rilevazione dei dati, indicatori di normalità, interpretazione e principali alterazioni Esame obiettivo specifico dei seguenti sistemi a) Testa e neuromotorio: aspetto, facies, stato di coscienza e orientamento tempo, spazio, persona (allerta, confusione, sopore, stupot, coma. scala di Glasgow, concetti di coscienza, vigilanza, coscienza) linguaggio ed alterazioni (disartria, ecolalia, palilalia, afasia sensoriale e motoria) Movimento marcia, decubito, costituzione occhio (campo visivo, movimenti extraoculari,palpebre, congiuntive e sclere, pupille e riflesso pupillare, miosi, midriasi, anisocoria) orecchio (ipoacusia, sordità, acufeni) b) Torace ed esame obiettivo cardio-resopiratorio (struttura e conformazione toracica, suoni respiratori normali e anormali, broncovescicolari, crepitii, ronchi, sibili, sfregamento pleurico. Respiri patologici obiettività cardiaca e toni cardiaci (ritmicità, soffi e sfregamenti, respiri patologici) c) Tegumenti (colorito: pallore, cianosi, ittero, arrossato, marezzato; umidità, turgore: la plicca cutanea e temperatura) annessi (capelli, peli e unghie) e lesioni primarie della cutanee d) Addome (quadranti addomino - pelvici, distensione addominale, dolore addominale, peristalsi e movimento intestinale, borborigmi, omebelico e ascite) e) Sistema vascolare (perfusione tissutale, riempimento capillare, flebite, tipi di edemi e linfedema)

Modalità d'esame

------------------------
MM: Infermieristica clinica 1
------------------------
La valutazione del corso sarà effettuata sia con modalità scritta con quesiti aperti a breve risposta dove è richiesto di motivare dati, selezionare dati aterati e sostenerli, interventi assistenziali e motivarli utilizzando le fonti e i meccanismi fisiopatologici. Domande a test con scelta multipla, domande con risposta "a completamento" piccole situazioni con opzioni di scelta. Può essere proposta anche la modalità orale. L’esame sarà suddiviso nei 2 moduli di Infermieristica clinica I e II Il voto finale, qualora positivo, può contemplare anche elementi relativi alla partecipazione attiva durante le lezioni e alla aderenza ai mandati di pre-lettura del testo. MM: Infermieristica clinica 1 I contenuti della valutazione sono riferiti alla tematica: * Respirazione - accertamento generale e definizione delle principali alterazioni alterazioni della respirazione , valutazione e gestione assistenziale dell'ipossia, dispnea, cianosi, tosse, emottisi, ostruzione bronchiale, espettorato e ortopnea interventi di base per favorire la respirazione e la clarence muco ciliare (cambio posturale, umidificazione, la tosse efficace, posizione) L'ossigenoterapia, scopo sia in ospedale e a lungo termine, sistemi e presidi per l'erogazione, attenzioni ed elementi di monitoraggio sul paziente. *Il dolore acuto, post-operatorio, da procedura, oncologico e cronico – ricorrente, breakthrough pain, accertamento del dolore cronico e acuto, scale e strumenti per la misurazione, il dolore da procedura diagnostico/terapeutica e assistenziale ed interventi non farmacologici
------------------------
MM: Infermieristica clinica 2
------------------------
La valutazione del corso sarà effettuata con modalità scritta con domande a risposta multipla e domande a risposta aperta applicate anche a piccole situazioni, integrato con gli altri moduli in particolare con il modulo di Infermieristica clinica I. Il voto finale, qualora positivo, può contemplare anche elementi relativi alla partecipazione attiva durante le lezioni e alla aderenza ai mandati di pre-lettura del testo.

Testi di riferimento
Attività Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Infermieristica clinica 1 Saiani L, Brugnolli A Trattato Cure Infermieristiche Idelson Gnocchi 2014

Opinione studenti frequentanti - 2017/2018






© 2002 - 2020  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits