Laurea in Infermieristica (Legnago)
(abilitante alla professione sanitaria di infermiere) d.m. 270/04

Infermieristica clinica nella criticita' vitale - INFERMIERISTICA IN SITUAZIONI DI CRITICITA'

Codice insegnamento
4S000102
Docente
Elisa Sorio
crediti
1
Settore disciplinare
MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Lingua di erogazione
Italiano
Periodo
INF LEG - 3° anno 1° sem dal 17-ott-2016 al 22-dic-2016.

Per visualizzare la struttura dell'insegnamento a cui questo modulo appartiene, consultare * organizzazione dell'insegnamento

Orario lezioni

INF LEG - 3° anno 1° sem

Non inserito.

Obiettivi formativi

Riconoscere le situazioni di criticità nei pazienti nei diversi contesti assistenziali.
Descrivere gli interventi di monitoraggio dell’evoluzione clinica, supporto delle funzioni compromesse e prevenzione delle complicanze.
Descrivere le strategie specifiche di supporto all’adattamento del paziente e dei familiari in terapia intensiva

Programma

PROGRAMMA IN FORMA SINTETICA:

1. Area critica e paziente critico: le peculiarità dell’assistenza.
2. La vigilanza e il monitoraggio del paziente con instabilità neurologica e cardiorespiratoria.
3. Sorveglianza, effetti attesi, controllo effetti indesiderati, interazioni e risposte ai trattamenti farmacologici complessi.
4. Impatto della permanenza in terapia intensiva.
5. Approccio nutrizionale al paziente critico.

PROGRAMMA IN FORMA ESTESA:

1. Area critica e paziente critico: le peculiarità dell’assistenza.

2. La vigilanza e il monitoraggio del paziente con instabilità neurologica e cardiorespiratoria:
a. Indicatori di instabilità nel paziente critico. Il monitoraggio dei parametri vitali predittivi dell’aggravamento clinico: gli EWS (Early Warning Score) il National Early Warning Score
b. Monitoraggio e gestione della funzione respiratoria:
- ventilazione invasiva: scopi e gestione di intubazione endotracheale e ventilazione artificiale; monitoraggio e strategie di prevenzione delle complicanze precoci e tardive correlate all’intubazione endotracheale e alla protesi respiratoria;
- ventilazione non invasiva: indicazioni, controindicazioni, monitoraggio e strategie di adattamento e prevenzione delle complicanze nella NIV;
- tracheotomia : indicazioni, principali tipologie di accesso tracheale, cura dello stoma,
assistenza al paziente tracheostomizzato nell’alimentazione e fonazione.
c. Indicatori di valutazione e monitoraggio della funzione neurologica.
d. Monitoraggio e gestione della funzione cardiocircolatoria: indicazioni e gestione del
monitoraggio della pressione arteriosa invasiva e della PVC.

3. Sorveglianza, effetti attesi, controllo effetti indesiderati, interazioni e risposte ai
trattamenti farmacologici endovenosi complessi.

4. Impatto della permanenza in terapia intensiva:
- modificazioni emodinamiche legate alle manovre di nursing e trasporto;
- peculiarità nell’igiene del paziente critico e prevenzione delle infezioni;
- prevenzione delle lesioni da pressione e lesioni da pressione correlate a dispositivo medico;
- fattori di stress e adattamento del paziente e della famiglia.

5. Approccio nutrizionale al paziente critico.

Testi di riferimento
Autore Titolo Casa editrice Anno ISBN Note
Gentili A., Nastasi M., Rigon L.A., Silvestri C., Manganelli P. Il Paziente critico: clinica ed infermieristica in Anestesia e Rianimazione Casa Ed. Ambrosiana, Milano. 1997

Modalità d'esame

Prova scritta (test a risposta multipla) + prova orale

Opinione studenti frequentanti - 2016/2017






© 2002 - 2020  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits