Laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e chirurgia

Patologia generale e fisiopatologia clinica (2014/2015)

Codice insegnamento
4S02598
Crediti
17
Coordinatore
Giorgio Berton

L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
PATOLOGIA E FISIOPATOLOGIA GENERALE 14 MED/04-PATOLOGIA GENERALE Vedi pagina del modulo Vedi pagina del modulo
FISIOPATOLOGIA CLINICA 3 MED/09-MEDICINA INTERNA Lezioni 2° semestre 1°- 5° anno Pietro Minuz

Obiettivi formativi

Modulo: FISIOPATOLOGIA CLINICA
-------
Il corso si propone di far conoscere i meccanismi fisiopatologici responsabili delle principali alterazioni di sistemi omeostatici dell’organismo, le conseguenze funzionali rilevabili su vari organi e apparati, i meccanismi di compenso attivati in seguito a tali alterazioni e come questi ultimi possano essi stessi costituire meccanismi fisiopatologici di malattia. Vengono in particolare affrontati:
 le alterazioni dell’equilibrio idro-elettrolitico;
 le alterazioni dell’equilibrio acido-base;
 le alterazioni della funzione renale;
 le alterazioni della funzione cardiaca;
 la regolazione del tono vascolare e le alterazioni dell’omeostasi pressoria;
 le alterazioni della funzione respiratoria e le ipossie;
 le alterazioni della funzione epatica


Modulo: PATOLOGIA E FISIOPATOLOGIA GENERALE
-------
Obiettivo del corso è quello di descrivere i meccanismi molecolari che stanno alla base di processi patologici riguardanti alcuni aspetti essenziali delle funzioni di cellule e tessuti e che presiedono alla reazione a danni tessutali e alla loro riparazione. Il corso analizza diversi esempi di alterazioni molecolari – e le loro relative cause – interessanti i maggiori distretti subcellulari (membrana plasmatica, apparato vacuolare, mitocondri, citoplasma) e ne descrive le conseguenze patologiche a livello di cellula e, in diversi casi, di tessuto e di organismo. Per far comprendere la complessità dei processi patologici, vengono affrontate in modo integrato alcune manifestazioni di danno cellulare e le loro conseguenze sul funzionamento di organi e a livello d’organismo, quali la steatosi, l’amiloidosi, i danni da radicali, l’invecchiamento. Nell’ambito del danno cellulare particolare attenzione viene data ai meccanismi implicati nelle comunicazioni inter-cellulari e alle loro alterazioni (meccanismi e patologia della traduzione del segnale) e ai meccanismi molecolari responsabili della trasformazione neoplastica. Quest’ultima viene affrontata anche nei termini generali delle cause dei tumori, dei meccanismi della formazione delle mestastasi, delle conseguenze generali delle neoplasie (sindromi paraneoplastiche, cachessia). Il corso affronta in dettaglio tutti gli aspetti relativi ai processi reattivi e riparativi dei danni cellulari e tessutali, vale a dire la reazione infiammatoria acuta e cronica. Di questa vengono descritte cause, basi molecolari e cellulari, forme di manifestazione, meccanismi di evoluzione e controllo, conseguenze patologiche e il suo stretto rapporto con la risposta immunitaria .

Programma

Modulo: FISIOPATOLOGIA CLINICA
-------
 Cause e meccanismi di formazione dell'edema e dell'ascite, perdite di liquidi mediante vomito e diarrea.
 Alterazioni dell'osmolarità plasmatica
 Iper e ipopotassiemia
 L’insufficienza renale acuta
 L’insufficienza renale cronica
 Glomerulopatie e tubulopatie
 Fisiopatologia e basi molecolari dell'ipertensione arteriosa primitiva e secondaria e del danno d'organo
 L’insufficienza cardiaca
 L’edema polmonare
 La cardiopatia ischemica
 Fisiopatologia dell'apparato respiratorio
 Insufficienza respiratoria cronica
 Insufficienza respiratoria acuta (ARDS)
 Asma bronchiale
 Broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO, Enfisema polmonare)
 Le pneumopatie restrittive
 L’embolia polmonare
 Il cuore polmonare
 L’ipossia
 Alterazioni dell'equilibrio acido base di origine metabolica e respiratoria
 Insufficienza corticosurrenalica acuta e cronica
 Iperaldosteronismi (primitivi e secondari)
 Feocromocitoma
 I meccanismi fisiopatologici dello shock (spostato rispetto all’elenco precedente)
 Alterazioni del metabolismo e dell’escrezione della bilirubina
 La cirrosi epatica


Modulo: PATOLOGIA E FISIOPATOLOGIA GENERALE
-------
 Concetti di base in patologia e fisiopatologia generale (concetto di salute e malattia; di etiologia e patogenesi; limiti nello studio dei determinanti di malattia ambientali e genetici;)
 Omeostasi, riserva funzionale e scompenso
 Classificazione generale delle cause di malattie e proprietà generali dei fattori causali di malattia
 Le anomalie di struttura dei cromosomi e loro meccanismi patogenetici
 Conseguenze delle mutazioni geniche sulla sintesi e struttura delle proteine
 Malattie congenite non-ereditarie
 Basi molecolari delle malattie genetiche
 Alterazioni dell’apparato vacuolare
 Alterazioni del trasporto di membrana: canalopatie con particolare riferimento a quelle determinate da alterazioni di geni codificanti per trasportatori di tipo ABC
 Alterazioni della comunicazione inter-cellulare: I. difetto di espressione di recettori con approfondimenti: a) sulla regolazione dell’espressione di recettori per lipoproteine e loro significato nell’ezio-patogenesi dell’aterosclerosi; b) sui difetti di espressione di recettori adesivi (patologia dell’adesione leucocitaria e piastrinica. Emostasi piastrinica e meccanismi di attivazione della coagulazione. Eziopatogenesi dei tromboembolismi.)
 Alterazioni della comunicazione inter-cellulare: II. Meccanismi di trasduzione del segnale ed alterazioni della traduzione del segnale da parte di recettori per fattori di crescita, accoppiati a proteine G trimeriche, associati a chinasi citoplasmatiche. Trasduzione del segnale insulinico e basi molecolari della resistenza all’insulina nel diabete di tipo II.
 Alterazioni del citoscheletro e dell’apparato contrattile
 Patologia dei mitocondri
 Meccanismi di glucotossicità
 Patologie da fumo e da alcool. Malattie da acidi, basi, metalli pesanti e solventi (cenno al loro meccanismo d'azione)
 Biotrasformazione degli xeno biotici.
 Meccanismi di formazioni dei radicali liberi e relazione tra stress ossidativo e patologia, inclusa quella neuro-degenerativa.
 Il danno da radiazioni
 Le amiloidosi e altre patologie da accumuli proteici (Alzheimer e Malattie da prioni)
 Invecchiamento cellulare
 Teorie sull'invecchiamento
 Invecchiamento cellulare e invecchiamento dell'organismo: cause (genetiche, ambientali, molecolari)
 Febbre e ipertermia
 Danno cellulare e morte cellulare (necrosi ed apoptosi) in differenti tessuti e in corso di patologie
 Riconoscimento caratteristiche isto e citologiche delle degenerazioni
 Proliferazione cellulare e differenziazione
 Riconoscimento caratteristiche isto e citologiche del tumore
 Caratteristiche della crescita neoplastica: crescita benigna e crescita maligna
 Le lesioni precancerose
 La diffusione a distanza: le metastasi e le loro conseguenze
 Modelli di cancerogenesi
 Fattori chimici e fisici nell’eziologia dei tumori e loro meccanismi patogenetici
 Danno e riparazione del DNA
 Ormoni e tumori; virus nella etiopatogenesi dei tumori; oncogeni e oncosoppressori
 I geni che regolano i processi apoptotici e la stabilità genetica
 La risposta infiammatoria acuta e cronica
 I fenomeni vascolari della flogosi acuta
 i mediatori chimici delle diverse fasi della flogosi acuta e cronica
 Adesione, chemiotassi e fagocitosi
 Le diverse forme ed i fenomeni generali che si associano alla flogosi acuta
 L’immunita’ innata e specifica
 Riconoscimento caratteristiche isto e citologiche dell'infiammazione acuta e cronica
 Riparazione, rigenerazione dei tessuti e fibrosi
 La risposta immunitaria nei tumori
 Fisiopatologia globuli bianchi: anomalie quantitative e qualitative
 Fisiopatologia globuli rossi: anemie

Modalità d'esame

Modulo: FISIOPATOLOGIA CLINICA
-------
Orale ed unico. In linea di massima, lo studente verrà interrogato su quattro argomenti (3 di Patologia Generale Fisiopatologia Generale ed uno di Fisiopatologia Clinica) su ciascuno dei quali verrà espresso un voto che servirà per il calcolo della media aritmetica ai fini della votazione finale.

Statistiche per i requisiti di trasparenza (Attuazione Art. 2 del D.M. 31/10/2007, n. 544)

Statistiche esiti
Esiti Esami Esiti Percentuali Media voti Deviazione Standard
Positivi 47.56% 27 2
Respinti 22.70%
Assenti 25.13%
Ritirati 4.59%
Annullati --
Distribuzione degli esiti positivi
18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 30 e Lode
0.0% 0.0% 1.1% 0.5% 3.9% 6.8% 13.0% 5.6% 7.9% 20.4% 15.3% 2.2% 18.7% 3.9%

Valori relativi all'AA 2014/2015 calcolati su un totale di 370 iscritti. I valori in percentuale sono arrotondati al numero intero più vicino.





© 2002 - 2018  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits