Laurea in Infermieristica (Bolzano)
(abilitante alla professione sanitaria di infermiere) d.m. 270/04

Promozione della salute e della sicurezza - PROMOZIONE DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA IN CONTESTI ASSISTENZIALI

Codice insegnamento
4S000035
Docente
Sabine Huber
crediti
2
Settore disciplinare
MED/45 - SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI, CLINICHE E PEDIATRICHE
Lingua di erogazione
Italiano
Sede
BOLZANO
Periodo
LEZIONI 2° SEMESTRE.. dal 1-feb-2012 al 31-mar-2012.

Per visualizzare la struttura dell'insegnamento a cui questo modulo appartiene, consultare * organizzazione dell'insegnamento

Orario lezioni

LEZIONI 2° SEMESTRE..

Non inserito.

Obiettivi formativi

Lo studente conosce e nomina i rischi nei contesti assistenziali. Lo studente conosce il concetto di sicurezza ed i fattori e le condizioni che contribuiscono a creare un ambiente assistenziale sicuro. Lo studente sa applicare i principi di controllo del rischio nei contesti assistenziali con particolare riguardo a quello infettivo.

Programma

Programma in forma sintetica (n° 4 righe max):

Sicurezza e rischi nei contesti assistenziali: concetti generali
La sicurezza degli ambienti di cura: sicurezza degli operatori, sicurezza del paziente
Controllo delle infezioni correlate ai processi assistenziali



Programma in forma estesa:

Contenuti generali:

Controllo delle Infezioni correlate ai processi assistenziali

 Infezioni negli ambienti di cura: definizione di infezione, tipologia delle infezioni, infezioni endogene, esogene, localizzate, sistemiche e il loro decorso
 Infezioni correlate ai processi assistenziali: aspetti epidemiologici ed impatto economico
 La catena infettiva: agente infettivo o causale, serbatoio o fonte di infezione, porte di uscita e vie di eliminazione, modalità di trasmissione, suscettibilità dell’ ospite
 Interventi per interrompere la catena infettiva
 Precauzioni standard per la riduzione delle infezioni
 Igiene delle mani: raccomandazioni dell’ Organizzazione Mondiale della Sanitá, tecniche per l’igiene delle mani, caratteristiche dei prodotti, cura delle mani
 Dispositivi di protezione individuale o sistemi di barriera: uso dei guanti, camici e altri indumenti protettivi, mascherine e protezioni facciali
 Gestione di strumenti e attrezzature per l’assistenza al paziente: decontaminazione, pulizia, disinfezione, sterilizzazione
 Gestione dei rifiuti sanitari
 Isolamento del paziente: isolamento protettivo, isolamento di pazienti affetti da malattie altamente trasmissibili o epidemiologicamente rilevanti (TBC, Chlostridium difficilis), aspetti psichici


1. Le infezioni correlate ai processi assistenziali :

- Epidemiologia, localizzazione, eziologia,vie di trasmissione
- Sorveglianza epidemiologica e interventi per interrompere la catena infettiva


2. Precauzioni Standard

2. 1 Igiene delle mani
- Indicazioni e tecnica del lavaggio delle mani
- Indicazioni e tecnica del lavaggio chirurgico delle mani

2.2 Misure Di Barriera
- uso dei guanti (esercitazione addestrativa)
- uso della visiera/occhiali
- uso maschera chirurgica/protettori respiratori

2.3 La Gestione di Presidi, Strumenti e Attrezzature
- La classificazione dei presidi in critico,semicritico e non critico.
- Decontaminazione, detersione, disinfezione, sterilizzazione
- Alcune contestualizzazioni operative come la gestione del carrello della terapia
- Materiale per l’igiene del paziente, preparazione del campo sterile (esercitazione addestrativa), uso dei guanti sterili ...

2.4 Lo Smaltimento delle diverse tipologie di rifiuti

2.5 Gestione della Biancheria

2.6 Principi e criteri di igiene ambientale

2.7 Educazione sanitaria a pazienti e visitatori


3. Precauzioni Aggiuntive per la trasmissione per contatto

- Indicazioni per l’adozione delle precauzioni da contatto
- Corretto utilizzo dei dispositivi di protezione aggiuntiva da contatto: camice, guanti, collocazione del paziente, educazione paziente e familiari,


4. Precauzioni Aggiuntive per la trasmissione per via aerea

- Indicazioni per l’adozione delle precauzioni per via aerea.
- Corretto utilizzo dei dispositivi di protezione aggiuntiva: maschere FFP2-FFP3.


5. Precauzioni Aggiuntive per la trasmissione per Droplet

- Indicazioni per l’adozione delle precauzioni per droplet.
- Corretto utilizzo dei dispositivi di protezione aggiuntiva: maschera chirurgica.
- Igiene respiratoria/cough etiquette

Modalità d'esame

esame scritto (30 domande: “multiple choice” e aperte con risposte brevi)



Testi consigliati:

Saiani L; Brugnolli A. (2011): Trattato di Cure Infermieristiche; cap.11 e 12. Napoli, Casa Editrice Idelson-Gnocchi, Sorbona



Riferimenti del Docente e Ricevimento studenti:
Docente: Mag. Huber Sabine
Telefono: 0474/586263 / 338 9904021 e-mail: sabine.huber@sb-bruneck.it

Giorno e orario ricevimento studenti: a fine di ogni unità didattica o previo contatto telefonico
giorno: a fine di ogni unità didattica o previo contatto telefonico o da lunedí a venerdí
ora: concordata telefonicamente e secondo il piano di studi e orari dello studente o ore
lavorative in ufficio a Brunico
luogo: C.L.I. di Bolzano presso la S.P.S.S.- “Claudiana” o in ufficio a Brunico


Codocenti previsti:
Gufler Edith
Dr. Ochner Gerda





© 2002 - 2020  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits