Laurea specialistica in Medicina e Chirurgia (ciclo unico)

Corso a esaurimento (attivi gli anni successivi al primo)

Anatomia patologica (2007/2008)

Codice insegnamento
4S01159
Crediti
5,5
Coordinatore
Fabio Menestrina

L'insegnamento è organizzato come segue:
Modulo Crediti Settore disciplinare Periodo Docenti
Attività pratica di Anatomia patologica 0,5 --- 1 semestre: Attività pratiche IV e V anno Matteo Brunelli
Marco Chilosi
Erminia Manfrin
Guido Martignoni
Fabio Menestrina
Aldo Scarpa
Alberto Zamo'
Anatomia patologica: lezioni 5 MED/08-ANATOMIA PATOLOGICA Lezioni 1 semestre Guido Martignoni
Fabio Menestrina
Aldo Mombello

Obiettivi formativi

Lo studente:
• a conclusione del percorso di studio della patologia sistematica, deve conoscere i quadri anatomo-patologici che caratterizzano sul piano macroscopico, citologico, istologico e molecolare le principali malattie dello scheletro, del sistema nervoso, dell’apparato genitale femminile, delle vie aree superiori e del cavo orale.
• deve essere in grado di correlare le alterazioni patologiche con la presentazione della malattia, coi segni e sintomi clinici e con l’evoluzione della malattia e di trovare il razionale patologico per le valutazioni diagnostiche e prognostiche e per le decisioni terapeutiche (terapie locali e sistemiche).

Programma

Lo studente:
• deve aver acquisito dimestichezza con i principali strumenti d’indagine patologica sia strettamente morfologica (citologia esfoliativa e per aspirazione con ago sottile, istologia bioptica, istologia su pezzo operatorio, esame al criostato) che molecolare applicata (immunoistochimica, biologia molecolare);
• deve conoscere le possibili applicazioni e la rilevanza di tali strumenti nelle indagini di prevenzione (screening citologici e molecolari), nella pratica diagnostica clinica e nella valutazione dei parametri prognostici;
• deve essere in grado di compilare una richiesta di esame isto-citologico completa dei dati necessari per la formulazione di una diagnosi patologica corretta;
• deve interpretare correttamente le informazioni contenute nel referto isto-citologico in modo tra ricavarne le precise indicazioni per un logico processo decisionale medico;
• deve aver acquisito, anche tramite l’esemplificazione di casi diagnostici, la coscienza che una moderna medicina non può raggiungere livelli di eccellenza se non è basata sull’integrazione delle differenti professionalità e specializzazioni mediche.

Modalità d'esame

Orale





© 2002 - 2020  Università degli studi di Verona
Via dell'Artigliere 8, 37129 Verona  |  P. I.V.A. 01541040232  |  C. FISCALE 93009870234
Statistiche  |  Credits